martedì 23 maggio 2017

In memoria di...


(by Nicola)

Aria. Le mamme di Venafro al presidente Frattura


Dalla lettura del  documento  prot.n. 57625/2017 del 18.05.2017  (ALLEGATO-1) a firma del Presidente Paolo di Laura Frattura nascono molti interrogativi sulle motivazioni che inducono il Presidente a negare, di fatto, l’esistenza di problemi ambientalie in merito a ciò che si afferma nel documento sorgono molte perplessità

(by Nicola)

Depenalizzati 41 reati. Ecco quali


41 fattispecie che non hanno più rilevanza penale ma trasformati in illeciti civili e amministrativi puniti con sanzioni pecuniarie, con l'obiettivo di ottenere comunque un effetto deterrente elevato:

Fonte: Studio Cataldi

(by Nicola)

lunedì 22 maggio 2017

Approvare la legge 'La Torre bis' per fare piazza pulita di questa 'classe dirigente criminale'

 

"L’Italia è ormai strozzata da una classe politica corrotta e collusa con la mafia, soprattutto al meridione, e un Paese così soffocato non può mai dire di essere una vera democrazia. I recenti fatti di corruzione e di mafia emersi in questi giorni in Sicilia sono illuminanti: due candidati sindaci a Trapani sono accusati di corruzione e collusione con la mafia, uno è stato addirittura arrestato, mentre un sottosegretario è indagata di corruzione per avere, secondo l'accusa, presentato un emendamento di favore in cambio del regalo di un Rolex. Se vogliamo riconquistare la democrazia dobbiamo fare piazza pulita di questa classe dirigente criminale. Per questo con Azione Civile stiamo chiedendo che sia approvata al più presto la legge anticorruzione 'La Torre bis', scritta da me, Franco La Torre e altri esperti, che prevede di colpire la corruzione come già si fa con la mafia, cioè attraverso la con fisca dei patrimoni dei politici corrotti e collusi. Abbiamo lanciato una petizione sulla piattaforma change.org, che in poco più di due settimane ha già raccolto quasi 50.000 firme, affinché il Parlamento esamini e approvi la legge La Torre bis il prima possibile. Le elezioni amministrative sono la prima occasione per cacciare questa casta corrotta e restituire al popolo sovrano il governo del proprio territorio".

Antonio Ingroia

(by Nicola)

Napoli. Attuare la Costituzione, 14 maggio 2017 - Alessandro Diotallevi



(by Nicola)

domenica 21 maggio 2017

La profezia del costituzionalista Massimo Villone

(by Nicola)

La super-banchiera conferma: "le banche centrali possiedono e controllano il mondo"

 

Karen Hudes, sotto, ha lavorato per ben 20 anni presso la Banca Mondiale e ha confermato che le famiglie dei banchieri centrali possiedono e controllano il mondo. Secondo la donna i banchieri sono disposti ad usare la legge marziale per difendere il loro monopolio fraudolento sul credito. (La guerra al terrorismo è ovviamente un pretesto.)
Un ex membro della Banca Mondiale, l’ex Senior Counsel Karen Hudes, dice che il sistema finanziario globale è dominato da un piccolo gruppo di figure corrotte, assetate di potere le quali ruotano attorno alla FED.
Ha anche spiegato che questa rete ha preso il controllo dei mezzi di comunicazione per coprire i suoi crimini. In un’intervista con il New American, la Hudes ha affermato che, quando cercò di portare alla luce i vari problemi della Banca Mondiale, fu licenziata. Ora, grazie ad un gruppo di insider, la Hudes è decisa a denunciare e porre fine alla corruzione.
Citando un esplosivo studio svizzero del 2011 pubblicato sulla rivista PLoS ONE riguardo la “rete di controllo corporativo globale”, la Hudes ha sottolineato che un piccolo gruppo di soggetti – per lo più composto da istituzioni finanziarie e in particolare da banche centrali – esercita una massiccia quantità di influenza sull’economia internazionale da dietro le quinte.
Ciò che sta realmente accadendo è che le risorse mondiali sono controllate da questo gruppo” ha spiegato, aggiungendo che tali “corrotti” hanno anche il controllo sui media.
La Hudes, un avvocato che ha trascorso circa due decenni lavorando per il dipartimento legale della Banca Mondiale, ha osservato le macchinazioni della rete da vicino. “Realizzai che ci trovavamo di fronte a ciò che viene chiamato 'la cattura di stato', ovvero quando le istituzioni governative sono cooptate da un gruppo di potere corrotto”, ha detto in un’intervista telefonica al The New American. “I pilastri del governo degli Stati Uniti – alcuni di essi – non funzionano a causa di questa corruzione diffusa”.
Al centro della rete, secondo la Hudes, vi sono 147 istituzioni finanziarie e banche centrali – in particolare la Federal Reserve, che è stata creata dal Congresso, ma è di proprietà di un cartello di banche private. “Questa è la storia di come il sistema finanziario internazionale è stato segretamente truffato, soprattutto da parte delle banche centrali”, ha spiegato.
La Fed, in particolare, è al centro della rete e dell’insabbiamento, ha continuato la Hudes, citando una politica e un organo di controllo che include alti funzionari del governo e della FED. I banchieri centrali hanno anche manipolato i prezzi dell’oro, ha aggiunto, facendo eco alle diffuse preoccupazioni del The New American.
La poco conosciuta ma immensamente potente Banca dei Regolamenti Internazionali funge da “club” per questi banchieri centrali privati, ha continuato la Hudes. “Ora, la gente continuerà a voler pagare interessi sui debiti del loro paese quando scopriranno i “giochi di prestigio” fatti da quel gruppo? Non dimentichiamo come si sono arricchiti prendendo i soldi dei contribuenti.”
Niente oro a Fort Knox
Per quanto riguarda l’intervento sui prezzi dell’oro, la Hudes ha detto che si trattava di uno sforzo da parte della rete di corrotti e delle loro banche centrali di “non far crollare la carta moneta” – un sospetto condiviso da molti analisti e da molti alti funzionari governativi. L’informatore della Banca Mondiale ha inoltre affermato che, contrariamente alle affermazioni ufficiali, non crede vi sia oro a Fort Knox. Anche i membri del Congresso e i governi stranieri hanno cercato di scoprire se vi fosse un deposito del prezioso minerale, senza però ottenere grossi successi. La Hudes, tuttavia, ritiene che la truffa alla fine verrà smascherata.
Riforma o legge marziale?
Mentre i media sono dominati da questa rete di potere, la Hudes ha lavorato con governi stranieri, giornalisti, funzionari degli Stati Uniti, governi statali, e una vasta coalizione di compagni informatori per rendere nota questa truffa.
Vogliamo ripulire il sistema finanziario, ecco il nostro obiettivo, ma nel frattempo, le persone che non sapevano della truffa la scopriranno” ha detto. “Il sistema finanziario internazionale cambierà …. Le persone sapranno quello che sta succedendobasta accordi sottobanco. Avremo un nuovo tipo di sistema mediatico se la gente è stufa di essere controllata e dominata.” (Lo dubito fortemente n.d.r.)
Mentre la Hudes sembra molto ottimista, riconosce il fatto che il mondo è in pericolo – negli Stati Uniti, la legge marziale, è ormai alle porte. I prossimi passi saranno cruciali per l’umanità. In base a questo è fondamentale che le persone si informino sull’illegalità, sulla corruzione e le ruberie che avvengono ai massimi livelli. Non fare nulla sarebbe disastroso.
Fonte: neovitruvian.it
Tratto da: http://www.frontediliberazionedaibanchieri.it/article-insider-della-banca-mondiale-118134250.html

(by Nicola)

Light Emitting Diode (LED). Fiat lux

(by Nicola)

Roma. Caput mun...nezza!


Un video che fotografa una delle cause della ricorrente emergenza rifiuti a Roma, che vede un sistema impiantistico da "terzo mondo" da cui tuttora dipendono quasi i due terzi dei rifiuti prodotti.
Denunciamo ancora una volta la mandata attuazione dei criteri previsti dalla Delibera di Iniziativa popolare "Roma verso rifiuti zero" proposta da Zero Waste Lazio, poi approvata dalla giunta Marino con Delibera capitolina 129/2014, e sono ad OGGI FERMA rispetto ai principali obiettivi previsti:
1- Avanzamento raccolta differenziata sino al 65% al 2016 con l'estensione generale della raccolta "porta a porta" e la costruzione di Centri di Raccolta e Centri di Riuso;
2 - Costruzione di impianti di compostaggio e riciclo dentro il territorio di Roma Capitale;
3 - Progressiva dismissione dei TMB di AMA, passando dalla loro urgente riconversione a recupero di materia eliminando il CDR tuttora avviato ad incenerimento a Colleferro e Cassino 

Movimento Legge Rifiuti Zero per l'Economia Circolare


(by Nicola)

Sannio. I privilegi dei signori del vento fanno riaprire strade chiuse al traffico


http://www.labtv.net/attualita/2017/05/19/beneventochiusura-fv-tammaro-sandrucci-replica-a-di-maria/

(by Nicola)

sabato 20 maggio 2017

Disabili gravi in Molise - Comunicato stampa


                   
COMUNICATO STAMPA
Lanza e Izzo: Disabili gravi, Il governo Frattura, l’assessore Facciolla impegnino tutte le risorse stanziate dal Ministero, ENTRO LA PROSSIMA SETTIMANA. C’è il rischi che tornino indietro.
Scenderemo in piazza se necessario, ma non possiamo lasciare inascoltato il grido di aiuto e di dolore che ci arriva dalle famiglie molisane che hanno, al loro interno, disabili con gravi patologie a cui sono state decurtate aiuti per una miope programmazione della Regione Molise che rischia di far tornare indietro parte dei fondi ministeriali.
Chiediamo al governo regionale di provvedere immediatamente all’innalzamento della quota destinata ai caregiver (“coloro che si prendono cura” si riferisce naturalmente a tutti i familiari che assistono un loro congiunto ammalato e/o disabile). Nel Molise gli ambiti territoriali preposti rilevano che ci sono 426 disabili gravi e gravissimi,di questi ben 350 pur essendo stati inseriti in graduatoria come idonei, non possono accedere a al contributo di euro 400 mensile destinato ai famigliari che si prendono cura di loro, come è avvenuto in passato. Perche succede questo? Si vede che l’assessore Facciolla ed il suo governatore Frattura, hanno altro a cui pensare che occuparsi concretamente di chi vive quotidianamente un disagio e viene puntualmente lasciato solo. Scaricano le responsabilità sui 7 ambiti sociali di zona ma una miope programmazione della giunta regionale dei fondi stanziati dal ministero, euro 2.691.000 (programma 1° giugno 2016 - 31 maggio 2017), rischiano di far tornare indietro parte delle somme non impegnate. La questione è ben chiara al Governatore Frattura e all’assessore Facciolla che fino ad oggi hanno disatteso le richieste da più parti arrivate.
Chiediamo un atto concreto, una delibera di giunta, che innalzi il limite fissato per i caregiver,al fine di consentire il pagamento degli arretrati AI DISABILI GRAVI E GRAVISSIMI RICONOSCIUTI IDONEI, dagli ambiti territoriali di zona. Chidiamo inoltre che tale percentuale venga innalzata anche per il programma 2016 che finanzierà gli interventi giugno2017-maggio2018.

Nicola Lanza – Laboratorio Progressista
 

Emilio Izzo – Isernia Domani

(by Nicola)

Napoli. Attuare la Costituzione, 14 maggio 2017 - Antonio Ingroia


(by Nicola)

Ringraziamo Nicola Lanza ('Prima le Persone') per aver partecipato all'incontro di Napoli il 14 u.s.

(by Nicola)

Gli studenti incontrano il presidente del TAR

(by Nicola)

mercoledì 17 maggio 2017

"Attuare la Costituzione." Il sostegno di Giulietto Chiesa




(by Nicola)

Impianti eolici nel Sannio.

Riceviamo e pubblichiamo
 
 
 
Buongiorno Sindaco Antonio Di Maria,
le scriviamo, nonostante l'assenza di informazioni a riguardo perduri da tempo, e nel ribadirle la nostra disponibilità, perchè ci arrivano notizie frammentarie ed allarmanti riguardo la situazione degli impianti eolici nel suo Comune e in generale nel Sannio.
In particolare le vorremmo chiedere circa la veridicità di questa nota :

"La strada a scorrimento veloce Fondo Valle Tammaro - Santa Croce - Castelpagano, di cui un nuovo tratto è stato inaugurato di recente dal Presidente della Regione Campania De Luca e dal Prefetto di Benevento Galeone, nel tratto che attraversa il territorio del Comune di Santa Croce del Sannio è una strada pericolosa a causa dei dissesti provocati dall'alluvione dell'ottobre 2015. Infatti a quell'epoca il Sindaco Antonio Di Maria fu costretto ad ordinarne la chiusura con l’ordinanza n.18/2015 ritenuta indispensabile assicurare "per la salvaguardia della pubblica e privata incolumità", ordinanza peraltro mai revocata.
La strada è chiusa ancora oggi a tutti i veicoli, essendo peraltro ben visibile il movimento franoso che interessa il manto stradale. Il Sindaco di Santa Croce, però, nonostante persistano i motivi che ne hanno imposto la chiusura, improvvisamente, con disposizione del 4 maggio scorso, ha ritenuto di derogare alla situazione di pericolo in atto consentendo il transito "ai soli mezzi adibiti a trasporto eccezionale della Ditta Renexia Services srl", ditta che sta costruendo 16 pale dell’impianto eolico della SRL Cogein tra i boschi di Circello e Santa Croce del Sannio in piena area del sito SIC "Bosco di Castelpagano e Torrente Tammarecchia".
Ringraziandola per il riscontro che vorrà darci, le porgiamo cordiali saluti.


Luigi De Giacomo
333.4905495

Segreteria di Paolo Maddalena
Vice Presidente Emerito della Corte Costituzionale
pagina facebook Attuare la Costituzione:
https://www.facebook.com/maddalenapaolo/?ref=ts&fref=ts


(by Nicola)

"Giuristi per l'azione popolare"



 COMUNICATO STAMPA

Si è svolta a Napoli, il 14 maggio scorso, l’assemblea “Napoli, città per l’attuazione della Costituzione” nel meraviglioso scenario della Sala dei Baroni del Maschio Angioino, con il patrocinio del Comune di Napoli, che ha trattato il tema centrale dell’attuazione della Costituzione come unico rimedio per la situazione di strapotere della finanza, il cui unico obiettivo è il proprio maggior profitto ai danni dell’ambiente e dei lavoratori.
L’assemblea, molto partecipata da persone e organizzazioni entusiaste e provenienti da ogni parte d’Italia, fino ad esaurire la capienza della Sala dei Baroni, si è aperta con i saluti della Città da parte di Carmine Piscopo, Assessore ai Beni Comuni del Comune di Napoli e con l’assunzione della presidenza da parte di Lidia Menapace, partigiana, e Paolo Maddalena, vice presidente emerito della Corte costituzionale.
Il discorso introduttivo ha delineato l’orizzonte di questo percorso e ne ha precisato la prospettiva sociale e politica: un fronte comune, una grande forza popolare per l’attuazione della Costituzione, non partitica e senza obiettivi elettorali; organizzazioni e persone nell’esercizio della sovranità popolare che lavorino costantemente per attuare “dal basso”, e quindi dalle Città, la Costituzione italiana del ’48.
Di grande rilievo i contenuti, le testimonianze e le proposte della giornata:
- il rilancio dell'Osservatorio Beni Comuni, riunito in modalità straordinaria in pubblica assemblea con la presidenza di Alberto Lucarelli (Università Federico II Napoli) e la presenza di Sergio Moccia (Università Federico II Napoli), Gianfranco Borrelli (Università Federico II Napoli), Paolo Maddalena e il contributo di Paolo Berdini (Urbanista) e Carmine Piscopo. L’Osservatorio Beni Comuni ha annunciato a Latina, il primo luglio, la sua seconda convocazione: da Napoli questa modalità e questo impegno possono diventare a servizio di tutto il Paese;
- il confronto tra Amministratori e Sindaci, introdotto dal Sindaco di Napoli Luigi De Magistris che ha sancito il passaggio dalla Città Ribelle alla Città per l’attuazione della Costituzione, Napoli prima città in Italia, e che ha visto la presenza dei Sindaci di Latina (Damiano Coletta), Quarto Flegreo (Rosa Capuozzo), Chiusano San Domenico (Carmine De Angelis), Polistena (Michele Tripodi), con la Vice Presidente Vicario della Città Metropolitana di Roma (Gemma Guerrini), il Presidente dell’Anci Campania e Sindaco di Afragola (Domenico Tuccillo), e l’Assessore ai Beni Comuni del Comune di Napoli (Carmine Piscopo).
Gli operatori hanno animato la seconda parte del confronto: per il Lavoro, Giorgio Cremaschi (Eurostop), Rinaldo Valenti (Rational di Massa), Claudio Gentili (Lucchini di Piombino), Vittorio Terracciano (Confimpresa Caserta); per l’Economia, Alberto Micalizzi (Iassem), Stefano Sylos Labini (Ass. Paolo Sylos Labini), Davide Storelli, Carmine Mirone e Carlo De Cesare (Caritas Diocesana di Napoli); per la Salute, Lucio Pastore (Asrem), Salvatore Rainò (L.U.I.M.O.), Italo Testa (Forum Sanità Pubblica Molise), Luca Mandara (Comitato Ospedale San Gennaro); per la Cultura e l’Ambiente, Ivano Spano (Università Padova), Mauro Scardovelli (Aleph Umanistica), Albina Colella (Università Basilicata), Cristiana Mancinelli Scotti (Forum Salviamo il Paesaggio), Glauco Benigni (Web Activists Community), Marina Veneri (Ciampino Bene Comune);
- l'annuncio del Sindaco di Latina, Damiano Coletta, che il prossimo 1 luglio la città di Latina promuoverà lo stesso tipo di percorso;
- la presentazione dello strumento giuridico popolare "Giuristi per l'azione popolare", a supporto di ogni azione per l’attuazione della Costituzione, che ha visto l’introduzione appassionata e convinta di Antonio Ingroia, e la partecipazione di Paolo Maddalena e Alberto Lucarelli, del costituzionalista Massimo Villone e degli avvocati Giuseppe Libutti, Oreste Agosto e Alessandro Diotallevi (moderatore). Gruppo giuridico permanente che dopo solo qualche settimana dall’appello del Presidente Paolo Maddalena può contare l’adesione di oltre 30 giuristi da ogni parte d'Italia.

Il Comitato promotore 

L'OML ringrazia Nicola Lanza e i responsabili delle altre Associzioni molisane presenti all'incontro.

(by Nicola)

Napoli. Attuare la Costituzione, 14 maggio 2017 - Luigi De Magistris

(by Nicola)

Bubico, Montalto, Piras. Energie della chinica

(by Nicola)

martedì 16 maggio 2017

18 maggio: il parlamento si accinge a legalizzare in modo perenne l’abusivismo edilizio


 
https://www.change.org/p/firma-per-fermare-le-trivellazioni-di-tremiti-e-pantelleria/u/20278001?utm_medium=email&utm_source=72174&utm_campaign=petition_update&sfmc_tk=5ZrcGP%2fRNR8wsjzEF1aEDJqV%2b5kO7WkdWQ%2fmc7Zi%2fnqxgCn0Nc5YALh83y%2fcAx8u

APPELLO

SI FERMI LA LEGGE BLOCCA DEMOLIZIONI CHE LEGALIZZA IN MODO PERENNE L’ABUSIVISMO EDILIZIO.

Al Presidente della Repubblica
Al Presidente del Senato

Il 18 maggio prossimo al Senato della Repubblica andrà in discussione il provvedimento di legge di cui è primo firmatario il sen. Falanga, gruppo ALA Verdini. Il testo di disegno di legge è così intitolato: “Disposizioni in materia di criteri per l’esecuzione di procedure di demolizione di manufatti abusivi”. E’ un provvedimento che è stato approvato da una maggioranza trasversale che va dal Pd, a Forza Italia al M5S.
In realtà questo provvedimento è di una gravità inaudita e legalizza in modo permanente l’abusivismo con effetti futuri permanenti. Le case abusive, purché abitate saranno salve.

Il disegno di legge è motivato, dalla ormai solita distinzione di comodo fra:
• abusivismo di speculazione, per il quale secondo le dichiarazioni dei proponenti si darebbe priorità nelle demolizioni
• abusivismo di necessità, cioè quello costituito dalle case abitate, che sarà messo in coda, al fine di evitare le demolizioni.

In testa alla lista delle priorità degli abusi da demolire ci sono:
1 ) gli immobili di rilevante impatto ambientale o costruiti su area demaniale o in zona soggetta a vincolo ambientale e paesaggistico o a vincolo sismico o a vincolo idrogeologico o a vincolo archeologico o storico-artistico
2 ) gli immobili che costituiscono un pericolo per la pubblica e privata incolumità
3 ) gli immobili sottratti alla mafia perché nella disponibilità di soggetti condannati per reati di associazione mafiosa o di soggetti colpiti da misure di prevenzione.

All’interno di ognuna di queste categorie sono però stabiliti ulteriori gradi di priorità.
Gli edifici saranno demoliti secondo questo ordine:
1 - prima quelli in corso di costruzione o non ultimati alla data della sentenza di condanna di primo grado
2 - poi quelli non stabilmente abitati

Per ciascuna delle sopra dette categorie i Procuratori della Repubblica detteranno i criteri di priorità che dovranno tenere conto delle specificità del territorio di competenza, attribuendo la priorità, di regola, agli immobili in corso di costruzione o comunque non ultimati alla data della sentenza di condanna di primo grado e agli immobili non stabilmente abitati.
La legge prevede una somma di 10 milioni di euro annui per gli abbattimenti.
In questo modo la legge fermerà le ruspe e intaserà il lavoro dei tribunali come denuncia il procuratore della repubblica di Napoli Riello che afferma: ”si apre la via a un contenzioso enorme. Appellandosi a una legge, gli avvocati faranno giustamente il loro dovere che è quello di tentare ogni strada per impedire la demolizione dell’immobile del proprio assistito. Questi casi si chiamano “incidenti di esecuzione”. Per banalizzare, ogni avvocato dirà: perché demolite casa al mio cliente e non a quell’altro? È stato verificato che l’ordine di priorità è stato rispettato? Sono stati controllati bene tutti i criteri? I quali criteri, mi si permetta di dirlo, mi sembrano evanescenti».

Le demolizioni con questa futura legge saranno fermate per due ordini di motivi:
1) perché la cifra stanziata per le demolizioni è sufficiente per eseguirne 130-140 all’anno
2) perché buona parte delle case sono abitate e quindi saranno in coda alle priorità stabilite dalla legge e perciò mai demolite.

Ma l’aspetto più grave della legge è che la sua applicazione non ha limiti di tempo a differenza dei condoni. Questo significa che tra tre mesi, un anno o due chiunque potrà edificare una villa sulla costa, in una vallata o in qualunque altro luogo avendo i requisiti di necessità. Questo significa che il parlamento della Repubblica Italiana si accinge a legalizzare in modo perenne l’abusivismo edilizio, che anzi dalla norma riceverà ulteriori stimoli.
E la norma potrà diventare uno strumento formidabile anche in mano alla criminalità che in base ai criteri di necessità previsti della legge, potrà realizzare case abusive in spregio alla legge mettendoci dentro qualcuno che vi abiti . Non è fantasia ma la triste realtà.
Altro aspetto grave è che si fermeranno le demolizioni delle case abitate anche nelle aree protette, con vincolo ambientale e idrogeologico perché la legge prevede di mettere per ultimi questi casi.
Invece di approvare norme più stringenti per demolire sul nascere l’abuso e per commissariare quei comuni, anche con lo scioglimento dei consigli comunali, che non sono rigorosi o nell'adottare strumenti urbanistici o nell’eseguire le demolizioni, si è scelta una strada assurda come quella di fermare le ruspe dietro l’alibi delle priorità e dell’inesistente abuso di necessità. Non è un caso che nei resoconti stenografici i senatori Falanga e Palma parlino esplicitamente di fermare le demolizioni a partire dalla Campania. Infatti sia il presidente della regione Campania De Luca che della Sicilia Crocetta attendono con ansia questa legge dopo aver approvato in giunta provvedimenti blocca ruspe. Questa è l’Italia: piange di fronte alle tragedie del dissesto idrogeologico ma il giorno dopo quando tutto è passato torna a chiudere gli occhi per favorire l’abusivismo edilizio. Questa è una piaga tipicamente italiana che non trova riscontri in Europa: un ben triste primato che ci appartiene. Con i voti degli abusivi si vincono le elezioni ma si ammazza il territorio e il futuro delle generazioni che verranno. Con tanti saluti al consumo zero di suolo fissato dall'Unione Europea per il 2050.
La legge che il Senato è in procinto di approvare ha vari profili di incostituzionalità a partire dal rispetto dell’art.3 e 9 della Costituzione (la Corte Costituzionale ha più volte affermato che il paesaggio è un bene primario e assoluto) e per questi motivi chiediamo che la legge sia fermata e non promulgata.


Paolo Berdini, Angelo Bonelli, Vittorio Emiliani, Sauro Turroni, Francesco Lo Savio, Vezio De Lucia, Gianfranco Amendola, Fabio Balocco, Luana Zanella, Mario Staderini, Domenico Finiguerra.

(by Nicola)

Religioni e democrazia. Confronto tra Paolo Flores d'Arcais e Tariq Ramadan



Temi affrontati: 
- laicità dello Stato;
- condizione della donna e discriminazioni sessuali;
- educazione e formazione.

(by Nicola)

Napoli. Attuare la Costituzione, 14 maggio 2017 - Parte prima


(by Nicola)

Sempre un pò di più 'Arena' ti da

Video:
https://www.youtube.com/watch?v=YiZZwqL5efs

(by Nicola)

lunedì 15 maggio 2017

ATTUARE LA COSTITUZIONE. L'OML 'presente' (con delega) a Napoli domenica 14 maggio



Decine di sindaci tra cui l’ospitante Luigi De Magistris, Presidenti di associazioni per la difesa dei beni pubblici (acqua, energia, salute), giuristi del calibro di Paolo Maddalena, Gianfranco Borrelli e Sergio Moccia, docenti universitari come Ivano Spano, Alberto Lucarelli e Carmine Piscopo, politologi come Giulietto Chiesa, poi economisti e assessori comunali per difendere il bene pubblico, organizzarci sul territorio e mettere a punto un sistema di scambio complementare e privo di debito…
Questa è la coscienza popolare che si organizza sul territorio attraverso consulte civiche permanenti mettendo a sistema Comuni, associazioni civiche e reti di impresa per dare vita ad un modello economico e sociale che si pone al di fuori delle logiche neoliberiste.
Lo facciamo in barba all’arroganza della casta che sta smembrando il Paese su direttiva delle oligarchie burocratico-finanziarie di Bruxelles e della City di Londra.
Lo facciamo per gli italiani che sono prima di tutto “comunità politica” (cit. Paolo Maddalena).
Alberto Micalizzi 
https://www.facebook.com/groups/1042701395784415/1318184371569448/ 

(by Nicola)

PEAR Molise. L'OML chiede di essere convocata e coinvolta

(by Nicola)

domenica 14 maggio 2017

Dopo 1.095 giorni (tre anni) la Procura di Campobasso ha bisogno di altro tempo per il compimento delle 'indagini preliminari'

(by Nicola)

Barattare Diritti (ambientali) con le merci porta a questo


Cromo in falda? Sono cazzi vostri, alessandrini. Parola di amministratore delegato Amag. Mauro Bressan (PD): eliminarlo costa troppo, chiediamo una proroga di tre anni alla normativa statale. Gioisce la Solvay: il milione di metri cubi sotterrato può continuare tranquillamente a colare in falda.
Corruzione e traffico illecito di rifiuti attorno al depuratore di Alessandria. 8 mila metri cubi rovesciati a pochi metri dal Tanaro. Imputato principale, anche per corruzione di un consigliere, Lorenzo Repetto ex presidente della municipalizzata AMAG e braccio destro del sindaco Piercarlo Fabbio.

Ci mancavano solo gli oli esausti della Grassano per peggiorare il rischio della falde di Sezzadio Predosa. Dopo aver autorizzato la discarica, la Provincia ha autorizzato la Grassano di Predosa, azienda del settore rifiuti del gruppo Riccoboni, all’installazione di un impianto di rigenerazione di oli esausti da autotrazione per 7 mila tonnellate annue. Bocciato, per ora, il secondo impianto richiesto, riferito al trattamento di acque reflue industriali.

Emergenza PFOA. La marcia a difesa della salute, dell'acqua e dei beni comuni. Partenza dalla piazza del Duomo di Montecchio. La sezione di Medicina democratica di Alessandria partecipa al dibattito al Municipio di Trissino, affermando la lotta comune contro gli avvelenamenti Pfoa della Miteni di Trissino e della Solvay di Spinetta Marengo.

Ambiente Delitto Perfetto. Teksid. Ennesima assoluzione amianto. La Terza sezione penale della Corte d’Appello di Torino ha riformato la sentenza di primo grado: gli imputati della Teksid (ex Ferriere Fiat di Torino) sono stati assolti per la morte di 15 lavoratori perché il fatto non sussiste, per non aver commesso il fatto o per intervenuta prescrizione dei reati. La lotta per la salute e l’ambiente non si realizza nelle aule dei tribunali, anzi lì svanisce, come ampiamente documentato nel libro “Ambiente Delitto Perfetto”. Richiedi la terza edizione del libro via mail a linobalzamedicinadem@gmail.com
Ambiente delitto perfetto. A Milano nuova assoluzione amianto dopo Pirelli ed Enel. Assolti con formula piena Cantarella e Garuzzi, ex ad e ex presidente di Fiat auto, accusati di omicidio colposo di 10 morti di mesotelioma all’Alfa Romeo di Varese. I parenti delle vittime in aula gridano: vergogna.

Teramo e 31 Comuni della provincia senza acqua potabile. L’Asl: l’ approvvigionamento dalle sorgenti del Gran Sasso con odore e sapore non conformi. Clicca qui.
A fuoco la fabbrica di polistirolo e polipropilene espanso a Leinì, Torino. Alla AE Curta: otto squadre di pompieri per domare la nera nube tossica, la sindaco ha dichiarato l’inagibilità della zona.
Diossina e amianto da Pomezia a Roma. Evacuazione delle case e scuole chiuse. I fumi del rogo dell’impianto stoccaggio e trattamento rifiuti speciali (plastiche) da giorni stanno scaricando e accumulando i veleni cancerogeni e indegradabili anche sui terreni e le acque a sud della capitale. La sindaco Raggi allerta 21 Comuni. Controlli non fatti, denunce trascurate, assenza di misure di sicurezza e un torbido sistema di verifiche e garanzie attorno all’ “Eco servizi per l’ambiente”, compresa la mafia.

Crimine a Pomezia: diossina 700 volte superiore ai limiti di sicurezza. Accertarti dall’Arpa nei giorni seguenti il mega rogo di matrice mafiosa. Ma durante l’incendio non c’era nessuna centralina vicino all’impianto a misurare diossina e amianto.
Ritornano licheni e rondini dopo la chiusura nel 2014 della centrale a carbone di Vado Ligure. Per l’inquinamento di mercurio arsenico cadmio cromo i licheni non crescevano ma le autorità facevano finta di niente e rifiutavano le indagini epidemiologiche: già 440 morti invece secondo le perizie della Procura al processo, ma altri decessi sopravvengono.
Ecco la nuova bomba H che arriverà in Italia. Gli Stati Uniti hanno deciso di imbarcarsi in un programma di ammodernamento delle armi nucleari, che si stima costerà mille miliardi di dollari nei prossimi trenta anni. Il programma riguarderà anche l'Italia: verranno rimpiazzate le settanta bombe atomiche di Aviano e Ghedi. L’attuale arsenale è già in grado di cancellare la Terra: quante volte la si vuole annientare?
E’ nelle merci la vera causa del riscaldamento planetario. E’ nei processi della loro produzione, nell’uso che ne viene fatto e nei processi di eliminazione dei rifiuti. Se si vuole rallentare gli effetti nefasti degli inquinamenti e dei mutamenti climatici bisogna agire sulla modificazione tecnologica delle merci esistenti, sulla diminuzione della massa delle merci usate e sprecate nei paesi ricchi, perché i paesi poveri di più merci avranno bisogno, se non altro per uscire dal buio della miseria e delle malattie. Clicca qui Giorgio Nebbia.

Assurda la modifica al codice penale per allargare le maglie della “legittima difesa”.  Che gli strepiti scomposti di Lega, Fratelli D'Italia e Renzi volevano ancora più permissiva. Basti considerare che, nel totale degli omicidi, la maggior parte dei femminicidi familiari avviene proprio con armi da fuoco, più o meno legalmente detenute.
Licenza di uccidere e legittima difesa. Cosa intende per “legittima difesa” il Movimento Nonviolento. Clicca qui Mao Valpiana
Irruzione falangista al parlamento italiano. Alcune centurie di falangisti hanno dato l'assalto al parlamento italiano, ed al grido di "Viva la muerte" hanno deliberato la legalizzazione dell'omicidio. Per ora solo in casa e di notte, poi si vedrà. Frattanto il governo si pompeggia della magnifica trovata dei nuovi campi di concentramento diffusi in tutte le regioni d'Italia, dell'incremento delle deportazioni, dell'istituzione dei tribunali speciali etnici, della cancellazione di fondamentali garanzie giuridiche per chi non esibisce limpieza de sangue. Dalle televisioni tutte è un solo inno alla guerra sola igiene del mondo, al modo di produzione schiavista stadio supremo della civiltà. 

Progetto per la costruzione sociale di un governo dei rischi sanitari-ambientali ed economici. Col sostegno del Rettorato dell’Università degli Studi di Genova e dalla Scuola delle Scienze Sociali. Conferenza di Idriss Aberkane a Palazzo ducale. (continua). Clicca qui la relazione di Lino Balza al Convegno ResPublica.
Clamoroso ritardo dell'Italia nell'auto elettrica. Nel 2016 nel mondo sono state vendute 800.000 auto elettriche, un incremento sensibile rispetto alle 550.000 del 2015 e alle 316.000 del 2014. Di queste 800.000, in Italia ne sono vendute solo 2.560 senza variazioni rilevanti sul 2015. Olanda, Norvegia, India, Cina, Germania, hanno varato un programma ambizioso di sviluppo della mobilità elettrica, prevedendo entro un ventina di anni di sostituire una gran parte degli attuali veicoli ad energia fossile. Stati Uniti, Francia e Gran Bretagna crescono ugualmente, in modo costante. (continua)
Amianto, a Casale Monferrato progetto europeo per la cura del mesotelioma. Utilizzati 3,8 milioni di euro, residuo delle 265 transazioni fra Eternit e vittime. L’Azienda Ospedaliera di Alessandria capofila nella sua gestione.

Mostra sull'amianto all'Università di Torino. Si terrà nell'Università di Torino, Palazzo del Rettorato, via Po 17 la mostra intitolata "Le vie dell'Amianto". Partendo dalla situazione del Piemonte per estendersi al mondo intero, la mostra riporterà gli svariati aspetti della tragica storia di questo materiale tanto pericoloso, per lungo tempo estratto dalle rocce.  La mostra è a cura del Centro interdipartimentale per lo studio degli amianto e di altri particolati nocivi "G.Scansetti" e di RSA la società per il risanamento ambientale delle miniere di Balangero e Corio. Clicca qui.
Ci vuole altro che il nubifragio per fermare i No Tav della Valsusa. Nonostante la pioggia battente, una grande manifestazione ha sfilato da Bussoleno a San Didero dimostrando ancora una volta di che pasta sono fatti i notav. 15mila valsusini, sindaci, comitati di tutta Italia (continua)
Terminali di rigassificazione e rischi nucleari nel golfo di Trieste. Clicca qui Alessandro Capuzzo sulle conclusioni dell’incontro promosso da Democracy in Europe Movement 2025 e Forum per cambiare Trieste.

Inizio oggi un digiuno per il riconoscimento del diritto di voto a tutte le persone che in Italia stabilmente vivono. Un digiuno a sostegno dell' "Appello all'Italia civile: una persona, un voto”, primo firmatario padre Alessandro Zanotelli, sottoscritto da numerose altre illustri personalità dell'impegno culturale, morale e civile. Clicca qui.
Pax Christi : un congresso sulla nonviolenza a fianco di papa Francesco ma con le resistenze del sistema ecclesiastico. La posizione dei vescovi italiani è arretrata, un freno al Papa. Occorre abolire i cappellani militari, introdurre la teologia della pace nell’insegnamento dei seminari, farla entrare nelle parrocchie, fare un Sinodo della chiesa per proporre l’Italia come ponte di pace, appoggiare la Conferenza ONU sulle armi nucleari, chiedere al governo italiano l’allontanamento dal nostro paese delle 70 bombe nucleari americane, bocciare il Libro bianco del governo contrario alla Costituzione.
Petrella e Zanotelli a Napoli. Siamo nati tutti uguali in dignità d diritti - abitiamo una sola Terra - l'odio non vincerà - la sovranità è del Popolo - imparare senza limiti - le armi non creano sicurezza.

Tre scuole su quattro ad alto rischio non sono antisismiche. Né progettate né successivamente adeguate. Su 3.578 istituti in zona ad elevato rischio sismico solo 807 sono protette dal terremoto. Analoga situazione per quelle a medio alto rischio.
32 miliardi pagati di tasca propria per visite e infermieri. La sanità pubblica sempre più a picco nel 2016. 25 miliardi spesi in visite mediche e accertamenti diagnostici per aggirare privatamente le liste di attesa pubbliche. Inoltre 12,6 milioni di italiani hanno sborsato altri 6,2 miliardi per farsi assistere da un infermiere a domicilio. Altri 24 milioni di pazienti hanno richiesto prestazioni a infermieri non professionali (in nero). Per le Residenze Socioassistenziali: anni di attesa e 2mila euro di retta. Per le case di riposo private (non lager): da 4mila euro mensili in su. Intanto, alla sempre maggiore carenza di medici di famiglia, si aggiungono 50mila posti di infermiere mancati. Dovrebbe esserci 1 infermiere ogni 6 assistiti, che invece sono 12; risultato: il tasso di mortalità sale del 20%.
Animazione Sociale illustrata da Dario Fo. Nella rivista idee preziose per operatori sociali, educatori, insegnanti. Al centro dell’inserto: come rendere possibile la relazione educativa tra adolescenti e adulti, andando oltre i reciproci pregiudizi. "Comunicazione e disabilità: conoscenza e approccio consapevole per un’informazione corretta”. Seminario di formazione rivolto soprattutto ai giornalisti per una comunicazione etica e corretta che non susciti idee discriminatorie (continua...)
Nuovi Livelli Essenziali di Assistenza (LEA). Cosa cambia nell’assistenza sociosanitaria. (continua...)
Festa della mamma. Test di screening neonatale allargato. Per individuare precocemente più di quaranta patologie metaboliche rare, evitandone le peggiori conseguenze. Vademecum di prevenzione primaria e secondaria. (continua...)

Medicina democratica Movimento di Lotta per la Salute
Via Dante 86 - 15121 Alessandria Tel. 3382793381

Rete Ambientalista Movimento di lotta per la Salute, per l'Ambiente e per la Pace: 

Blog: https://rete-ambientalista.blogspot.it




Twitter: @paceambiente 

(by Nicola)