venerdì 21 aprile 2017

PRIMO OSSERVATORIO "SPERIMENTALE" VERSO RIFIUTI ZERO. A Roma, non Campobasso!




AVVIATO IERI DAL MUNICIPIO ROMA CENTRO IL PERCORSO PER LA COSTITUZIONE DEL PRIMO OSSERVATORIO "SPERIMENTALE" VERSO RIFIUTI ZERO, A CUI SONO STATO FELICE DI AVER PARTECIPATO CON UN BREVE INTERVENTO SULLA GENESI E LA FILOSOFIA DELLA DELIBERA DI INIZIATIVA POPOLARE "ROMA VERSO RIFIUTI ZERO" OGGI DELIBERA AC 129/2014.
DOPO SEI ANNI DALLA RACCOLTA FIRME PER LA DELIBERA DI INIZIATIVA POPOLARE "ROMA VERSO RIFIUTI ZERO" OGGI FINALMENTE PARTE LA PRIMA VERA ESPERIENZA DI "PARTECIPAZIONE POPOLARE", IN ATTESA DEL REGOLAMENTO COMUNALE DEFINITIVO ANCORA FERMO IN COMMISSIONE CAPITOLINA AMBIENTE PER L'ESTENSIONE DEGLI OSSERVATORI "VERSO RIFIUTI ZERO" A TUTTI I RESTANTI MUNICIPI.
SI ATTENDONO ANCORA NOTIZIE CONCRETE ANCHE DALL'ASSESSORE MONTANARI CON UNA DELIBERA DI GIUNTA CAPITOLINA IN ATTUAZIONE DELLA DELIBERA AC 129/2014 SULLA "PARTECIPAZIONE POPOLARE", NONOSTANTE SIANO PASSATI QUASI TRE MESI DAL SUO ANNUNCIO E PRESO ATTO DELLE RECENTI DICHIARAZIONI DELLA SINDACA SULL'AVVIO DI FORME DI "DEMOCRAZIA DIRETTA DIGITALE" DA SPERIMENTARE.

Massimo Piras
Zero Waste Lazio
 


Video intervento M. Piras a Campobasso (da 27:46)
https://www.youtube.com/watch?v=OSVLMkofcAk

(by Nicola)

Decreto V.I.A. Regione Abruzzo: rinvio, con voto all'unanimità, al 4 maggio con presentazione di un documento per modifiche chieste dalle regioni

 
COMUNICATO STAMPA

"Accogliamo favorevolmente la notizia dell'accoglimento
all'unanimità, da parte della Conferenza delle Regioni, della nostra richiesta di rinvio al 4 maggio della Conferenza Stato-Regioni. Il Presidente Stefano Bonaccini comunica questa decisione all'odierna riunione della Conferenza".

A darne notizia è il Sottosegretario regionale con delega all'Ambiente Mario Mazzocca, il quale una settimana fa, unitamente alla direttrice generale Cristina Gerardis e al Dirigente Domenico Longhi, aveva promosso un incontro di discussione con i rappresentanti di associazioni ambientaliste, delle categorie imprenditoriali, di Ordini e Collegi professionali nonché con i membri del Comitato VIA; un primo incontro finalizzato ad approfondire le tematiche trattate dallo Schema di Decreto presentato dal Governo che andava a modificare sostanzialmente la disciplina della 'Valutazione d'Impatto Ambientale' di determinati progetti pubblici e privati.
"Lo schema di decreto del Consiglio dei ministri - continua Mazzocca - andava a modificare radicalmente la normativa vigente e, di fatto, tendeva ad avocare le funzioni delegate alle Regioni ed a sminuire conseguentemente il processo partecipativo dei territori e delle comunità locali. Grazie al meticoloso e partecipato lavoro di approfondimento svolto dalle Regioni e dall'organo di Coordinamento è stato redatto un puntuale ed esaustivo documento, completo degli emendamenti, che nelle prossime ore sarà inviato allo Stato-Regioni ed al Ministero dell'Ambiente". 

Fonte:Regflash k.S. 170420

(by Nicola)

mercoledì 19 aprile 2017

Salute Pubblica e Ambiente

(by Nicola)

Aderiamo alla campagna 'Salviamo il Teatro del Loto' inviando una mail all’indirizzo: sostieniloto@gmail.com entro il 10 di maggio



Al Presidente della REGIONE MOLISE;
al Presidente della Provincia di Campobasso;
al Sindaco del Comune di Campobasso;
al Sindaco del Comune di Ferrazzano.


Il Teatro del LOTO, da 10 anni, è un bene comune per la collettività molisana. Il lavoro che ha prodotto ha generato arricchimento (culturale e materiale) per singoli lavoratori, luoghi e imprese. Quello che tanti oggi considerano “il più bel piccolo teatro d’Italia” ha rappresentato uno degli elementi cardinali perché il Touring Club Italiano valutasse, nel 2012, il Comune di Ferrazzano “Borgo interno di Eccellenza”, insignendolo della Bandiera Arancione.

Nell’ultimo decennio, il LOTO si è distinto per:

  • una programmazione che lo ha rivelato come una realtà teatrale fra le più innovative e apprezzate del centro sud, con capacità di promuovere spettacoli ed eventi (oltre 400 da fine 2007 ad oggi, con più di 2000 artisti ospitati) attenti ai nuovi linguaggi, all’incontro fra le arti performative e alle contaminazioni culturali;
  • aver conquistato la fiducia del pubblico molisano, che considera il LOTO riferimento di qualità artistica, oltreché luogo di elaborazione e condivisione di esperienze e pensiero critico, un locus animae dove si promuove la cittadinanza attiva e consapevole;
  • aver programmato, con professionalità, entusiasmo e competenza, attività creative di sviluppo territoriale, riuscendo a farsi parte attiva della crescita e delle istanze delle nuove generazioni, attraverso l’istituzione della SPAS “Scuola Propedeutica d’Arte Scenica”, che ha promosso nell’ultimo decennio un’attività di formazione di giovani talenti, divenuti nel frattempo professionisti, che nel LOTO hanno trovato il primo palcoscenico della vita e un luogo  nel quale hanno esercitato il diritto di poter sperimentare e sbagliare, sentendosi rispettati e valorizzati;
  • essere una nuova realtà produttiva per il Molise, che ha visto riconosciuta la sua Compagnia stabile dal FUS del MIBACT (primo caso in assoluto nella storia della Regione) come: IMPRESA DI PRODUZIIONE TEATRALE – TEATRO DI INNOVAZIONE E SPERIMENTAZIONE, in un territorio dove la crescita del lavoro, riferito alla produzione teatrale e creativa, è rimasta per decenni pressoché sommersa e fagocitata da soggetti non molisani. Oggi, soprattutto grazie al LOTO, i lavoratori dello spettacolo hanno trovato in Molise una loro dignità artistica e professionale, che contribuisce alla crescita economica dell’intera regione. Per ottenere e mantenere la  qualifica attribuitagli dal FUS, solo nell’ultimo biennio, il LOTO ha prodotto oltre 2100 giornate lavorative e contributive,  versando all’INPS e allo Stato contributi e imposte per oltre 50.000 euro.

Il paradosso è che oggi il Teatro del LOTO vede compromessa la stessa possibilità di sopravvivenza della sua sede storica e dell’eccellente programmazione artistica che ha sempre garantito, essendo stato privato del tutto, sia nel 2016 che nel 2017, dei contributi della Regione Molise. Eppure la Fondazione Molise Cultura, braccio operativo della Regione, non ha lesinato in questo periodo ingenti risorse per imprese teatrali non molisane, che hanno spesso promosso programmazioni artistiche discutibili e con cachet molto superiori a quelli di mercato.
Chiediamo perciò che a garanzia e tutela del futuro del Teatro del LOTO, dei lavoratori della creatività e della conoscenza che vi operano in modo diretto e indiretto, la Regione Molise e gli Enti pubblici regionali coinvolti, s’impegnino a stabilire un accordo di programma pluriennale che gli assicuri le risorse necessarie per lo svolgimento del ruolo fecondo e fondamentale che svolge, a beneficio dell’intera comunità regionale.



HANNO ADERITO: Benevolo Alessandro – Bubbico Carolina, musicista – Campli Bianca, Presidente del Club per l’Unesco di Vasto – Cappussi Eliana – Cardarelli Oscar – Chiavaro Claudio – Colitti Michele, giornalista – di Ciocco Giuseppe – di Giorgi Augusta, avvocato – Di Lella Paolo, giornalista – Di Sabato Italo, responsabile Osservatorio Repressione – Diodati Luisa – Ferrente Agostino, regista, Presidente Apollo 11, Co-fondatore dell’Orchestra di Piazza Vittorio – Fusco Cosimo – Grosso Andrea, graphic designer – Longo Alessandra – Maroncelli Giulio, attore – Miele Alessandro, violinista – Oliva Gianni, Prof. Ordinario di Letteratura italiana Università “D’Annunzio” di Chieti-Pescara – Paolucci Andrea, Compagnia del Teatro dell’Argine – Rutigliano Oreste – Sabelli Daniela, avvocato – Uliano Michela – Varrone Antonio, Direttore Ass. Industriali del Molise - Osservatorio Molisano sulla Legalità (OML)

(by Nicola)

PROGRAMMA ASSEMBLEA NAZIONALE ROMA 29 APRILE. A TUTTI I SOGGETTI CHE IN MOLISE SI BATTONO CONTRO INCENERITORI E DISCARICHE.



Programma dell’assemblea nazionale del 29 aprile 

Sala cittadina via Boemondo 7, ROMA


Ore 12,00: accoglienza, registrazione e pranzo veloce presso il bar adiacente la sala,
Ore 12,30: avvio dei lavori e breve presentazione del programma moderato da Franca e Massimo,
Ore 12,40: relazione giuridica sullo stato dell’arte e sulle opzioni a cura dell’avv. Antonello Ciervo,
Ore 13,00: contributi tecnici dal prof. Paolo Maddalena e dall’avv. Carmela Auriemma,
Ore 13,40: intervento di eventuali giuristi / avvocati presenti,
Ore 14,00: richieste di chiarimenti tecnici specifici da parte dell’assemblea,
Ore 14,30: pausa caffè sino alle 15,00.

Ore 15,00: relazione di Massimo e Franca sugli obiettivi generali e le strategie da condividere,
Ore 15,30: intervento di Isde Italia, Vas onlus, As-Sud,
Ore 16,00: interventi di portavoce regionali / ass.ni / movimenti esterni presenti e registrati secondo l’ordine di prenotazione (Abruzzo – Basilicata – Calabria - Campania – Emilia - Liguria - Lombardia – Marche - Molise – Puglia - Sicilia – Toscana - Veneto – Umbria),
Ore 17,30: sintesi della discussione e redazione di un documento con tutti i punti condivisi da sottoscrivere da parte degli intervenuti a titolo di reciproco impegno solidale da attuare nei rispettivi territori, in termini di diffusione locale – sostegno economico – mobilitazione nazionale,

Ore 18,00: chiusura dell’assemblea.

 

ASSEMBLEA APERTA NAZIONALE a ROMA SABATO 29 APRILE H 12,00 - 18,00 per decidere INSIEME I PROSSIMI PASSI sul ricorso al Decreto SBLOCCA- ITALIA.


SALA CITTADINA - via Boemondo 7 (a due passi dalla Stazione Tiburtina - fermata FS e Metro A) https://www.google.com/maps/d/viewer…


L'assemblea è aperta a TUTTI i soggetti che si battono contro INCENERITORI E DISCARICHE, in particolare rispetto alle altre organizzazioni che abbiano aderito e depositato RICORSO AL DECRETO 6/8/2016 al TAR LAZIO.


Lo scopo è di condividere insieme sia le decisioni la prendere sui prossimi passi che la strategia politica CONTRO IL DECRETO SBLOCCA ITALIA, pur nella rispettiva autonomia giuridica dei soggetti ricorrenti.


Sono invitati tutti i collegi legali dei soggetti ricorrenti citati, informando che sarà presente per noi sia l'avv. Antonello Ciervo che il nostro carissimo prof. PAOLO MADDALENA (ex presidente emerito della Corte costituzionale).



INFO e ADESIONI:

segreteria@osservatoriolegalita.it


leggerifiutizero@gmail.com



(by Nicola)

lunedì 17 aprile 2017

Unire le forze! A tutti i Comitati per il NO

Carissimi Amici di tutti i Comitati per il NO,

in tutto questo tempo, che ci separa dal 4 dicembre, sono rimasto assolutamente sbalordito e incredulo che i Comitati per il NO non abbiano colto la straordinaria occasione storica di essere praticamente un "movimento politico", coeso e unito sui valori irrinunciabili ed indisponibili della Costituzione Repubblicana, superando nella decisione le appartenenze ideologiche e partitiche.
Sinceramente non riesco a capire come delle persone preparate non possano comprendere appieno la portata numerica e quindi politica del risultato del Referendum che è stato e dovrebbe, a mio modesto parere, rimanere unificante e che, volenti o nolenti, rendersi conto che siamo di fronte ad una occasione unica ed imperdibile per cambiare l'Italia fin dal profondo. 
Questa disgregazione si può giustificare solo con la sensazione che le inopportune convenienze partitiche/elettorali siano prioritarie su quelle dell'ideale che invece ci ha mossi tutti in una unica direzione anche se provenienti da Partiti e/o Movimenti diversi.
Poiché non sono assolutamente d'accordo a lasciare alla gestione dei Partiti questo nostro comune risultato vi allego questi miei due documenti che invierò in giro per l'Italia per cercare di far ragionare i concittadini dei Comitati, comunque costituitisi, pregandovi di farne una lettura attenta e speculativa e per ragionare sulla portata numerica delle conseguenze di una nostra unione per un obiettivo comune:
1) Testo dell'Appello accorato ai Comitati per il NO

Chiedo dunque a tutti Voi, se lo ritenete opportuno, di voler fare da cassa di risonanza nei confronti dei Vs. amici e conoscenti in maniera da raggiungere ogni angolo d'Italia alla ricerca di singole persone che siano disposte a ripercorrere insieme la grande vittoria del 4 dicembre sull'annichilimento della democrazia tentata da un Governo non eletto direttamente dal popolo.
 
Attendo fiducioso di sentirvi,
Un Cittadino Elettore
Leonardo Ranieri Triulzi
Cell.+39 348 2371245
<comitatonopanicale@gmail.com>
comitatopalicale©2017 COMITATONOPANICALE

(by Nicola)